PortaCastello

Cattedrale Di Acerenza

Girovagando per la Basilicata, una terra ancora tutta da scoprire e da amare, ti consiglio di seguire le indicazioni per Acerenza, un paese in provincia di Potenza che, forse, avresti ignorato per dirigerti verso mete più famose e pubblicizzate. Eppure rimarrai stupito dalla sua bellezza ed ancora di più dalla Cattedrale di Acerenza, dedicata a Santa Maria Assunta ed a San Canio.

Tra le montagne di questa regione si staglia una pittoresca ed antica cittadina che, dall’alto, domina la valle del Bràdano e le cui case si scorgono da lontano, appositamente costruite a formare una struttura fortificata inespugnabile.

Si tratta di un agglomerato urbano di remote origini posto su un crocevia strategico fra strade che collegavano il Sud Italia a Roma. Queste strade sarebbero state percorse addirittura da S. Pietro che, pare, fu il primo Vescovo della città. A questo punto non puoi non dirigerti verso la Cattedrale di Acerenza, che domina il paese, per dedicarle una visita approfondita.

È un edifico del 1080, costruito su una precedente basilica paleocristiana, in tipico stile romanico-normanno, imponente e bellissimo nella sua semplicità, è caratterizzato da una pianta a croce latina.

Nel corso dei secoli, purtroppo la Cattedrale di Acerenza venne ripetutamente distrutta dai terremoti che colpirono la regione e, quindi, ricostruita in diverse fasi. Non solo, dalla metà del 1400 essa conobbe un periodo di totale abbandono che terminò solo nel 1524 quando i conti Ferrillo si occuparono del suo restauro. A testimonianza di ciò è presente lo stemma delle famiglia proprio sulla facciata, fra il rosone ed il portale.

Puoi iniziare la tua visita osservando attentamente la facciata, che ti colpirà proprio per l’essenzialità delle sue linee. Essa è caratterizzata da un portale principale che immette nella Cattedrale e da una porta più piccola, sulla sinistra, attraverso la quale si può accedere al museo.

Il portale principale presenta due colonnine sorrette da scimmie, con i capitelli formati da sfingi che reggono un arco, ora distrutto, che in origine era composto da angeli ed i cui frammenti sono conservati nel museo.

Alla base delle colonne, invece, erano presenti due leoni che le sorreggevano: uno dei due è stato ricollocato sulla parte sinistra della facciata mentre l’altro si troverebbe all’esterno di una casa del paese. Sulla destra della facciata spicca la torre campanaria, con cinque campane, costruita con frammenti di opere funerarie romane.

Dopo aver varcato il portale ti troverai direttamente all’interno della Cattedrale, lunga 69 metri e larga 23, e caratterizzata da tre navate divise da 10 pilastri. Degne di nota sono le de cappelle semicircolari nella navata destra, una delle quali contiene opere di grande valore attribuibili ad Antonio Stabile.

Percorrendo la navate principale puoi osservare il presbiterio rialzato con la conca absidale così come ti consiglio di non perdere il suggestivo battistero del XI secolo. La cappella dedicata a San Michele Arcangelo è decorata in stile barocco e contiene, oltre alla statua dedicata al Santo anche un’altra opera lignea raffigurante San Rocco.

La cripta della Cattedrale di Acerenza è una tipica testimonianza del Rinascimento e contiene il sepolcro della Famiglia Ferrillo con i ritratti di Alfonso Ferrillo e Maria Balsa.

A questo proposito, per suscitare ancora di più la tua curiosità, è d’obbligo fare un piccolo riferimento alle leggende sorte proprio intorno a questa Cattedrale, che la vedrebbero legata al conte Vlad III, meglio conosciuto come Dracula, proprio attraverso la moglie del conte Ferrillo, Maria Balsa che sarebbe stata la figlia del sanguinario despota slavo.

Molti sono i richiami al vampirismo più o meno nascosti fra le opere della Cattedrale. Vale davvero la pena, dunque, programmare una visita in questi luoghi misteriosi vista la quantità di storie che potrebbero ancora raccontare.

La Cattedrale di Acerenza si trova a 36 KM dal nostro B&B.

 

Photo credit:

1) Acerenza – Cattedrale di S.Canio => Basilicata Turistica

2) Cripta Acerenza => Basilicata Turistica

3) Acerenza – Cattedrale di S.Canio => Basilicata Turistica