PortaCastello

Eventi e News

Febbraio in Basilicata

Febbraio in Basilicata

 

Cosa fare a febbraio in Basilicata? Ecco una serie di idee e suggerimenti per “vivere” questa meravigliosa regione italiana:
 

Febbraio in Basilicata: Sci e Snowboard

La Basilicata è splendida in tutte le stagioni dell’anno, ma se vai a febbraio in Basilicata potrai godere a pieno di un paesaggio inedito, divertirti con neve fresca di un candore luminoso e soprattutto lontano dal turismo di massa invernale.

Nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, in provincia di Potenza, si trova uno dei comprensori sciistici più grandi e attrezzati della Basilicata, quello della Sellata – Arioso.

Alla Sellata, posta a un altitudine che arriva fino ai 1.737 mt, potrai praticare i tuoi sport invernali preferiti nei suoi 7 Km di piste.

Risalendo, con uno dei suoi 9 impianti, tra i filari di faggi secolari innevati avrai la sensazione di essere in un luogo incantato e stupefacente. E se sei fortunato, giunto in cima, il panorama si svela in tutta la sua imperiosa bellezza, regalandoti perfino uno scorcio azzurro sul Mar Tirreno.

Nei deliziosi borghi a pochi chilometri dagli impianti o nell’incontrastata quiete della natura l’ospitalità è varia: chalet di montagna, case vacanza, alberghetti e bed and breakfast. Non hai che l’imbarazzo della scelta. Confort, cucina regionale dai profumi inconfondibili, gentilezza e accoglienza ti faranno ritornare ancora e ancora.

 

Le ciaspolate tra i boschi

Una esperienza indimenticabile che ti regala il tuo febbraio in Basilicata è passeggiare con le ciaspole per i boschi innevati. Molti sentieri sono fruibili anche alla Sellata, ma l’incanto che potrai godere immergendoti nel silenzio delle faggete innevate del Parco Nazionale del Pollino non ha eguali.

Popolato di animali selvatici, pensa che emozione intravederne le tracce sulla neve o udire lo stridore di un aquila squarciare improvvisamente l’aria.

Puoi avventurarti da solo, fruire di una guida esperta o unirti ad una delle innumerevoli escursioni organizzate. Un modo per conoscere altri appassionati della natura, bivaccare con loro all’aria aperta o in deliziosi rifuggi riscaldati dal fuoco scoppiettante e dove il cibo ti apparirà il più delizioso di sempre.

Ma se non temi la notte non rinunciare ad una ciaspolata al chiarore della luna, dimenticherai in quell’incanto anche il freddo.

In prossimità del Pollino due località vanno assolutamente visitate: il borgo di Morano Calabro, uno dei 100 borghi più belli d’Italia e la splendida Maratea, affacciata su un mare d’inverno dal fascino speciale.

Nel punto più alto del paese potrai ammirare la statua del Redentore, alta più di 20 mt e seconda solo a quella più famosa di Rio de Janeiro.
 

Sagre e feste di febbraio in Basilicata

Non puoi dire di essere stato a febbraio in Basilicata se non hai visto almeno uno dei suoi caratteristici carnevali. Maschere e costumi della tradizione folcloristica della Basilicata animano rumorosamente le viuzze dei paesi.

Un richiamo ancestrale e a volte per certi versi inquietante, ma ricco di forza espressiva ed energia. Anche un modo speciale per visitare alcuni dei borghi più pittoreschi della regione.

Tra le feste di carnevale più suggestive ti consiglio quello di Aliano, in provincia di Matera, con le sue demoniache maschere cornute che insieme ad altri personaggi sfilano per le vie del borgo al suono di fisarmoniche e cupa cupa, arcaico strumento musicale della tradizione meridionale.

Animato da campanacci, sgherri e maschere nere è invece il carnevale di Montescaglioso, probabilmente il più antico.

Altri due appuntamenti sono imperdibili. Durante la sagra della salsiccia che si tiene il 3 febbraio a Cancellara, in provincia di Potenza, avrai modo di gustare la mitica e gustosissima salsiccia tipica, la Lucania, e molti altri piatti della tradizione gastronomica della Basilicata, offerte gentilmente a tutti i visitatori.

Mentre durante la festa di San Valentino, patrono del comune di Abriola, verrai inondato dai baci che i fidanzati giunti da lontano si daranno al fuoco dei falò accesi per le strade del centro.
 

Photo credit: Paolo Santarsiero on Unsplash

Shares